Acquisto e montaggio della cucina: 8 regole d’oro

Ecco quanto ho imparato sul tema molto spinoso dell’acquisto di cucine.
A me è andata piuttosto male, e credo pertanto di avere imparato qualcosa di utile per altri acquirenti inesperti che si apprestano a fare un acquisto analogo.
Credo inoltre che i suggerimenti buoni per l’acquisto di cucine siano buoni anche per l’arredamento in genere, vista sia l’affinità merceologica che la somiglianza psicologica dei rivenditori.

Ho preparato quindi un elenco di principi di generica utilità, frutto della mia traumatica esperienza:

  1. Prima di acquistare fate una ricerca accurata sulla rete per capire la reputazione delle aziende coinvolte: attenzione che non dovete informarvi solo sull’azienda che costruisce fisicamente la cucina (nel mio caso, Veneta Cucine) ma anche, e soprattutto, sul rivenditore o negozio specifico che funge da intermediario con il cliente (nel mio caso, Arredamenti Ruzzon). Cercate sui forum di arredamento (il migliore che ho trovato è arredamento.it), sui siti di recensione, sui blog degli utenti contenti o scontenti (come me). Fate attenzione alle recensioni che gli stessi rivenditori inseriscono per farsi pubblicità, anche se solitamente sono facili da individuare (spesso sono replicate su altri forum, oppure sono troppo entusiastiche)
  2. Conservate minuziosamente gli appunti di tutto quello che viene detto a voce, e pretendete che sui preventivi che di volta in volta vi consegneranno ci siano elencate esattamente le cose di cui si è parlato. E’ molto facile che tra il primo preventivo, fatto in modo da essere “invitante” in termini di prezzo, e il conteggio finale che verrà fatto al momento del pagamento, vi siano delle discrepanze a vostro svantaggio. Ad esempio potrebbero dirvi a voce “vi monto questo bellissimo accessorio”; voi annuite felici, ma il venditore non lo scrive sul preventivo perchè, vi pare, si tratta di un dettaglio ovvio che non necessita di essere riportato. Quello che poi succede è che alla fine di questo accessorio non ci sarà traccia da nessuna parte, e il rivenditore di sicuro non lo inserirà nel progetto finale. Quindi pretendete che tutto sia annotato sul preventivo prima e sul contratto poi, e per non perdervi i pezzi tra un incontro e un altro segnatevi tutto su un bel quaderno, come a scuola. Quest’ultima cosa sembra una sciocchezza ma se lo avessi fatto ora sarei molto più felice, e con minimo sforzo: un bravo venditore è soprattutto un abile oratore che sa suggerire senza dire (e tantomeno scrivere) cose che poi non avrete, o parlare di cose importantissime (per voi) come se fossero questioni marginali. Scrivete tutto!
  3. Occhio al “principio di coerenza”: il rivenditore sa che il cliente è tanto più incline a pagare extra o ad accettare inconvenienti quanto più tempo è trascorso nel processo di acquisto. Questo significa che cercherà di infilarvi modifiche a caro prezzo o accessori negli istanti appena prima della firma. Questo è il momento in cui siete più deboli, e lui lo sa molto bene, perchè avete già fatto un notevole “sforzo cognitivo” ad accettare di pagare. Questo vi rende propensi ad accettare sovrapprezzi che vi saranno presentati come necessari a portare a termine l’operazione che vi è costata tanti dubbi e ripensamenti. E’ un concetto sottile ma molto potente, e loro lo sanno. Ora che lo sapete anche voi, potrete aspettarvi questi “colpi di coda” e quindi anticiparli, spezzando il meccanismo.
  4. Fatevi spiegare bene come funzionano garanzia e diritti di recesso, e scrivete tutto sul quaderno degli appunti. Purtroppo è probabile che vi serviranno
  5. Chiedete fin da subito come funziona per la consegna. Fate presente se abitate ad un piano alto, se è disponibile un ascensore, se c’è un marciapiede accessibile sotto le finestre (per l’eventuale piattaforma di carico al piano). Tenete conto che spesso nei condomini non si possono usare gli ascensori per portare colli pesanti, quindi potrebbe essere necessaria una piattaforma che, spesso, ha un costo extra. Sono cose che probabilmente il venditore non vi chiederà in fase di contrattazione perchè non ha interesse ad appesantire il preventivo con i costi extra di consegna che sarebbero invece emersi dopo il pagamento, in modo che lui avrebbe potuto “cadere dalle nuvole” e piazzarvi 600 euro di noleggio piattaforma. Tirate fuori voi l’argomento, appena possibile!
  6. Probabilmente il venditore vi chiederà di mandare un suo tecnico a casa vostra per fare le misure. Dovrete essere presenti, perchè è molto facile che il tecnico misuri qualcosa di sbagliato. Non perchè è ritardato, ma perchè quello che per voi è ovvio potrebbe esserlo molto meno per qualcuno che non conosce la casa e nemmeno il progetto della cucina.
  7. Se avete deciso di firmare e pagare, ricordatevi di questo principio: più soldi dovete al venditore al momento del montaggio, maggiori sono le probabilità che monti la cucina correttamente. Cercate di lasciarvi una quota il più alta possibile da dare alla fine del montaggio, in modo da avere una buona arma nel caso in cui il montaggio non sia stato fatto in modo corretto: semplicemente non saldate, e chiedete agli operai quando torneranno a correggere gli eventuali problemi. Io con Arredamenti Ruzzon ho fatto l’errore gravissimo di pagare con bonifico il giorno prima. Risultato, è un mese che aspetto che sistemino il disastro che hanno fatto.
  8. Dovete assolutamente essere presenti durante il montaggio. State fisicamente aggrappati alla schiena dei montatori e non perdeteli di vista un solo secondo. E’ proprio una questione di percezione: se il cliente non è qui significa che è uno poco attento ai dettagli, quindi io montatore posso lavorare in modo approssimativo perchè non se ne accorgerà mai. L’ideale è quindi procurarsi una sedia pieghevole da regista e un megafono, e urlare comandi con tono petulante.

Ecco, credo che questo sia tutto. Stampatevi questo articolo e incollatelo nella terza di copertina del vostro quaderno degli appunti, e non avrete problemi.

O almeno, non quelli che ho avuto io:
Avevo l’esigenza di non spendere troppo, ma volevo anche affidarmi ad una azienda di buon livello perchè, mi avevano detto, più della cucina in se la cosa importante è il montaggio. Mi sono quindi rivolto al marchio Veneta Cucine tramite il rivenditore autorizzato Arredamenti Ruzzon, di Trezzano sul Naviglio (MI).
E’ stato un errore.
La cucina è stata montata male, il disegno di progettazione era sbagliato (misure prese male dai loro addetti, assemblaggio di pezzi incompatibili tra loro), alcune maniglie erano difettose, il top è storto e traballante.
Nessun problema, direte voi. Una volta riscontrati i problemi si telefona al rivenditore che immediatamente si dedicherà con tutto il suo impegno a risolvere gli inconvenienti, visto il suo interesse ad avere una clientela soddisfatta e la propria reputazione intatta, giusto?
Non proprio, perchè io non avevo letto questo articolo e non sapevo della regola 7: avendo pagato tutto subito è passato un mese e la mia cucina è esattamente come è stata montata la prima volta.

Non mi dilungo oltre, per chi fosse interessato ho preparato un blog che parla dettagliatamente della mia pessima esperienza con Arredamenti Ruzzon.

Comments

  1. lariana says:

    Ciao..ho letto tutto e sinceramente sto tremando all’idea di quel giorno che verranno a montarmi la cucina…
    Ho comprato da Ruzzon, e sono fin qui abbastanza insoddisfatta.
    Scortesia e poca professionalità, a dir poco..
    dovrebbero consegnarmi la cucina a fine luglio, ho preso anche una parte del living…
    I soldi devono ancora avere più della metà, ma maledico il giorno in cui ho pagato l’acconto….
    Vorrei tanto tornare indietro…

  2. ho avuto problemi con un rivenditore di cucine di deruta(pg), maurizio mauri non consegnano le cucine, caparre altissime

  3. PER CLARA:

    CONTATTA LA FEDERCONSUMATORI DI PERUGIA, TI SPIEGHERANNO TUTTO IN MERITO A QUESTI TRUFFATORI.

  4. STATE ALLA LARGA DA MAURIZIO MAURI CUCINE!!! abbiamo avuto grossi problemi. tempi lunghissimi di consegna (con pagamenti anticipati). montatori incompetenti. anticipi altissimi. poca disponibilità da parte del venditore (non si fa trovare mai al telefono)
    LASCIATE PERDERE!

  5. ….ERA ANCHE SUL CORRIERE DELL’UMBRIA DI SABATO 21/12. LA FEDERCONSUMATORI STA RACCOGLIENDO INFORMAZIONI PER FAR PARTIRE UNA DENUNCIA PER TRUFFA…

  6. Tempi lunghissimi che intendete?Ho letto ora l’articolo sul corriere dell’Umbria On Line e sulla Nazione; su Perugia Today c’è scritto che hanno subito dei pignoramenti. Ma si intascano i soldi senza consegnare? Comincio a preoccuparmi…

  7. HO ACQUISTATO UNA CUCINA DA MAURIZIO MAURI A DERUTA, MONTATA PERFETTAMENTE E BELLISSIMA!!!
    UN PO’ IN RITARDO MA L’ATTESA NON E’ STATA VANA.

  8. Maurizio Mauri says:

    E’ IN ATTO UNA VERGOGNOSA CAMPAGNA DIFFAMATORIA NEI CONFRONTI DELLA NOSTRA AZIENDA, NATURALMENTE I RESPONSABILI SARANNO PERSEGUITI A NORMA DI LEGGE ANCHE SE SI TRINCERANO DIETRO FALSI NOMI, COME COLORO CHE HANNO SCRITTO SOPRA SENZA AVERE IL CORAGGIO DI FARSI RICONOSCERE.
    SE AVETE UN PROBLEMA CONTATTATECI E VEDRETE CHE VERRA’ RISOLTO NEL MIGLIORE DEI MODI. L’AZIENDA, PUR TRA MILLE DIFFICOLTA’ DOVUTE ALLA GRAVE CRISI CHE STA INVESTENDO IL SETTORE ED AGGRAVATE DA QUESTE PERSONE CHE USANO LA RETE PER “ROVINARE” CHI LAVORA ONESTAMENTE, STA CERCANDO DI PORTARE A TERMINE TUTTI GLI ORDINATIVI IN CORSO GARANTENDO UN PRODOTTO DI INDISCUSSA QUALITA’.
    PURTROPPO IN RETE SI PUO’ DIRE DI TUTTO SENZA AVERE LA MINIMA RIPERCUSSIONE. DI NUOVO INVITIAMO COLORO CHE HANNO DEI PROBLEMI CON NOI A CONTATTARCI. UN SENTITO GRAZIE ANCHE DAI CINQUE DIPENDENTI CHE FINO AD OGGI HANNO SEMPRE AVUTO I LORO STIPENDI REGOLARMENTE E SONO PREOCCUPATI PER QUESTE VOCI INFONDATE CHE POTREBBERO PORTARE L’AZIENDA ALLA CHIUSURA PER MANCANZA DI COMMESSE.

  9. Maurizio Mauri says:

    PER CLARA, C, MARCO E CATIA TIRATE FUORI IL CORAGGIO E SCRIVETE I VOSTRI VERI NOMI. SICURAMENTE SIETE DEI CONCORRENTI CHE NON HANNO ALTRO DA FARE CHE INTERESSARSI DEGLI ALTRI. PENSATE A LAVORARE INVECE DI AGIRE IN MANIERA COSI’ IGNOBILE.

  10. Sto guardando la puntata odierna di MI manda Raitre…non mi sembra che esattamente il signor “Mauri” possa tanto parlare dopo quello che sto sentendo…

  11. Maurizio Mauri cucine says:

    Vediamo che anche Christian si esprime sotto mentite spoglie, si faccia riconoscere e porti le prove di ciò che dice. La trasmissione “mi manda raitre” omesso di comunicare le corrette informazioni che la nostra azienda, IUMA SRL, aveva inviato allo scopo di chiarire tutta la vicenda; non è un programma di informazione ma di disinformazione.

  12. la verità non la so.. ma nel dubbio son felice di non aver “investito” il denaro risparmiato faticosamente nel preventivo fattomi dall’azienda mauri o iuma o come si chiama.. il sign mauri dopo aver visto personalmente che tra 4 mesi nascerà nostro figlio.. sorridere, garantire la consegna e far finta che non ci sia chi aspetta da 1 anno.. mah.. sarà la crisi.. diamo tutta la colpa alla crisi economica..

  13. iuma srl Deruta says:

    Gentile signor Alessio, pur consapevoli che ogni individuo è libero di acquistare dove vuole, è triste constatare che determinate scelte sono dettate da campagne diffamatorie in atto a nostro danno e montate ad arte chissà per quale oscuro motivo. In ogni caso avrebbe potuto evitare di farci lavorare su numerosi ulteriori progetti, da lei richiesti, che non si è degnato neanche di visionare, la dignità di chi lavora non deve mai essere calpestata.
    Tutti i nostri lavoratori hanno famiglia e figli, anche molto piccoli, quindi La preghiamo di avere più rispetto per chi lavora ed evitare di sputare sentenze su argomenti che non conosce.
    Tanti cari auguri a Lei e famiglia, peccato che non potrà godere del privilegio di avere una nostra cucina in casa.
    IUMA SRL

  14. interessante che un certo sig.MAURIZIO MAURI(nome d’arte ? ) scriva ad altri di non avere il coraggio di firmare con il proprio nome.Il suo ci può dire quale è e che ruolo riveste in azienda

  15. iuma srl Deruta says:

    Come Lei sa Signor Petruzzi l’azienda IUMA SRL è proprietaria del marchio “Maurizio Mauri”, circostanza che è comune a migliaia di aziende italiane (marchio diverso dalla ragione sociale), quindi trattasi di persona giuridica perfettamente in regola con le leggi vigenti. La preghiamo di fornire informazioni esatte e non fuorvianti per chi legge. Grazie per la collaborazione.
    IUMA SRL

  16. alla legale rappresentante di Iuma srl- Noi sappiamo che ad un “cliente ” che si è recato presso il vostro centro esposizione di Deruta è stato detto che Maurizio Mauri è un “nome d’arte” come da registrazione giornalista di MI MANDA RAI TRE e mandata in onda.

  17. la ditta Iuma srl dovrebbe confermare che noi per conto di nostri associati siamo in attesa di comunicazioni relative ad impegni assunti per la consegna di cucina come previsto dalla copia d’ordine e convenutoe che ad oggi non ci sono fornite.grazie.sempre pronti a diverse informazioni se messi in condizione .Federconsumatori Perugia

  18. Non ho avuto a che fare con la MaurizioMauri, ma con “La Cucina” con sede a Trevi loc. Matigge. Avendo ricosciuto circa due anni fa lo stesso fantomatico titolare presso un’esposizione nel centro commerciale di Collestrada della ditta MaurizioMauri, suppongo che siamo difronte allo stesso copione. Visto che sto ancora pagando le conseguenze dell’acquisto mai evaso della cucina e con un giudizio in corso con la finanziaria, consiglio a tutti occhi aperti !!!!!!! Mi rendo altresì disponibile con il Sig. Petruzzi a qualsiasi ulteriore informazione che possa essere utile, direttamente o tramite

  19. Maurizio Mauri cucine IUMA SRL says:

    Udienza in Vaticano per vertici e dipendenti
    Il Papa festeggia i 60 anni della Rai: “Servizio pubblico deve formare”
    L’appello del Pontefice agli 8 mila presenti nella Sala Nervi: “Evitate disinformazione, diffamazione e calunnia. Ciascuno, nel proprio ruolo, è chiamato a vigilare per tenere alto il livello etico della comunicazione”

    Papa Francesco bacia alcuni figli dei dipendenti Rai
    Il Papa incontra i dipendenti Rai
    Papa Francesco incontra i dipendenti RAI
    18 gennaio 2014
    “Tutte le professionalità che fanno parte della Rai, dirigenti, giornalisti, artisti, impiegati, tecnici e maestranze sanno di appartenere ad un’azienda che produce cultura ed educazione, che offre informazione e spettacolo, raggiungendo in ogni momento della giornata una gran parte di italiani. È una responsabilità a cui chi è titolare del servizio pubblico non può per nessun motivo abdicare”.

    E’ questo il buon compleanno rivolto da Papa Francesco alla Rai, nell’udienza in sala Paolo VI. Ai vertici e dipendenti del servizio pubblico guidati dalla presidente Ananmaria Tarantola, che festeggiano nel 2014 i 90 anni di radio e i 60 di tv, ha rivolto un appello: “Evitate disinformazione, diffamazione e calunnia per mantenere un alto livello etico”. La Rai dev’essere “un servizio alla verità, alla bontà e alla bellezza”.

    “La qualità etica della comunicazione – è stato il richiamo di Francesco al servizio pubblico di informazione – è frutto, in ultima analisi, di coscienze attente, non superficiali, sempre rispettose delle persone, sia di quelle che sono oggetto di informazione, sia dei destinatari del messaggio. Ciascuno, nel proprio ruolo e con la propria responsabilità, è chiamato a vigilare per tenere alto il livello etico della comunicazione”.

    “Il fare memoria di un passato ricco di conquiste – ha sottolineato il Pontefice – ci chiama a un rinnovato senso di responsabilità per l’oggi e per il domani. A tutti voi che siete qui presenti, e a coloro che per diversi motivi non hanno potuto prendere parte a questo nostro incontro, ricordo che la vostra professione, oltre che informativa, è formativa, è un servizio pubblico, cioè un servizio al bene comune”.
    – See more at: file:///C:/Documents%20and%20Settings/Admin/Desktop/PAPA%20FRANCESCO%20IN%20RAI.htm#sthash.AGHfUtYY.dpuf

  20. Maurizio Mauri cucine IUMA SRL says:

    Un consiglio per tutti coloro che sono in procinto di acquistare l’arredamento, recatevi a visitare la grande mostra “EXPO-CASA” in corso presso il centro fiere di Bastia Umbra, non dimenticate di visitare anche il salone di Firenze alla Fortezza Da Basso.
    Buona visione.

  21. Iuma srl says:

    Un grazie sentito a tutti coloro che ci stanno esprimendo solidarietà a dispetto di tutto il fango che ambigui figuri ci riversano addosso. IUMA srl

  22. Corrado says:

    Sono l'”ambiguo figuro”, come definito sopra, che ha visto condizionata la propria vita dal 2007. Non penso che Maurizio Mauri (nome d’arte) abbia cambiato pelle in questi anni e riconosco in queste scritti la volontà continuo di dissimulare la realtà. Per gli scettici proverei a informarmi presso i carabinieri di Foligno e Trevi su quante denunce, tra cui la mia, ci sono a carico di questa persona, che sfiderei a presentarsi con il suo vero nome. Comunque chi lo incontrerà potrà chiederglielo personalmente. Potrà verificare che con la società non c’entrerà nulla, forse sarà un dipendente, la stessa sarà intestata ad un prestanome e solo la figlia sarà socio di minoranza. Rivedendo la trasmissione su “Mi manda Rai Tre”, ancora presente sul sito della RAI, ho rivissuto le stesse metodiche già viste. Quindi di nuovo a tutti occhi aperti.

  23. Federica says:

    Beato chi non c’ha un problema in questo momento di crisi!!

  24. IUMA srl says:

    Nell’era dell’informatica è difficile contenere la macchina del fango, da lunedì segnaleremo il caso alla polizia postale così, finalmente, sapremo chi sono gli autori di tutte le diffamazioni che ci stanno piovendo addosso. Chi ha sbagliato verrà senz’altro denunciato.

  25. Caro Maurizio Mauri (nome d’arte), ma quale “fango” noi aspettiamo la cucina da mesi… penso proprio che la polizia verrà a trovare lei e sua figlia…..Non fate altro che ricattarci dicendo che se non stiamo zitti e buoni la cucina non arriverà mai….vediamo cosa direte difronte al magistrato sono proprio curioso. a presto

  26. Giuseppe says:

    Ha pure il coraggio di rispondere questa persona, si deve solo vergognare per la scorrettezza , la disonesta’ che lo contraddistingue….si nega al telefono, al negozio scappa come un topo di fogna. Vi permettete anche di scrivere “ci dispiace non avrete il piacere di avere una nostra cucina”…ma ci state prendendo per i fondelli? noi abbiamo pagato per avere una vostra cucina e siete voi che non l’avete consegnata. Vergognatevi, giustizia sara’ fatta intanto scappate scappate anche dal negozio trasferitevi sempre piu’ in quegli ambienti melmosi, viscidi dove vivono i ratti di fogna..

  27. ah ah ah è vero il “sig. Maurizio Mauri” ogni volta che ci vede scappa e manda avanti quella bella “signora” della moglie che sembra un disco rotto….”scordatevi la cucina e i soldi…” non ho parole, ma questa purtroppo è l’Italia!

  28. Iuma srl says:

    Invitiamo le gentili persone che commentano in questo blog di rivedere anche la puntata di Mi Manda Raitre andata in onda il 3 Marzo 2014, per chiarire anche altri aspetti della questione.

    Guarda caso la Federconsumatori non ne parla nel suo sito, ci sarà un perchè?

    Cordialmente salutiamo
    Iuma srl

  29. Iuma srl says:
  30. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    la Federconsumatori non parla della puntata di Mi manda Rai Tre perchè non deve farsi inutile pubblicità.La società Iuma srl spieghi perchè continua ad allungare all’infinito i tempi di consegna delle cucine ?(a tutti quelli che rappresentiamo non viene consegnato niente) spieghi perchè ha cambiato sede? perchè non rispetta le normative europee sui tempi di consegna della merce?
    Abbiamo intenzione di chiedere alla commissione competente la verifica della eventuale vessatorietà dei contratti (?). Le puntate di Mi Manda Rai Tre sono due e si commentano da sole.
    Siamo a disposizione dei titolari di Iuma srl per un pubblico confronto :::trasmissione televisiva su emittenti locali ..asssemble …giornali, dove e quando volete nell’interesse di tutti i cittadini che hanno versato anticipi e aspettano la consegna delle cucine.

  31. iuma srl says:

    Egregio presidente…voglia gentilmente comunicarci gli estremi della normativa europea da lei richiamata, poiché non ne troviamo traccia.
    Per quanto riguarda le consegne, ne facciamo tutti i giorni ed i clienti sono molto soddisfatti, mentre per la sede, ci scusi ma ci è sfuggito che le comunicazioni sociali devono essere inviate anche alla federconsumatori.
    Grazie per la collaborazione!!!

    IUMA SRL

  32. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    La normativa europea la dovrebbe conoscere ed applicare chi stipula i contratti .Non dubito che la società consegna e i clienti sono soddisfatti.Ribadisco che da noi si sono rivolte alcune coppie che hanno versato anticipi e che alla scadenza fissata non hanno avuto niente -nonostante solleciti scritti e verbali.Il trasferimento della sede da un capannone ad uno vicino non è una variazione sociale e non deve comunicarla alla federconsumatori .Avevamo chiesto se spiega questa” nuova strategia commerciale” ai suoi clienti.
    Le confermo la DISPONIBILITA’ di questa presidenza ad un PUBBLICO CONFRONTO …siete disponibili o no ?

  33. iuma srl says:

    Abbiamo chiesto il Suo aiuto, egregio presidente… perché la normativa europea da Lei richiamata semplicemente non esiste, allora ci dica Lei dove cercarla.
    Grazie.
    IUMA SRL

  34. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    forse un buon consulente o avvocato vi può aiutare o basta riascoltare le puntate di Mi Manda Rai Tre dove i consulenti/esperti giuridici della trasmissione vi hanno invitato al rispetto di detta direttiva.Dimenticavo…nella prima eravate assenti e nella seconda la titolare non rispondeva e l’avvocato della società voleva solo far sapere la sua posizione e si distraeva dall’ascolto di altri interlocutori .in attesa di veder consegnate tutte le cucine per cui avete incassato acconti ..buon lavoro . a presto.

  35. iuma srl says:

    Egregio presidente…, quando lei richiama una normativa ne deve conoscere il contenuto e non parlarne a sproposito, noi lo sappiamo bene che tale normativa non esiste, quindi ogni commento è inutile e dimostra tante cose. Grazie per il buon lavoro!!!

  36. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    la normativa europea impone la consegna dei prodotti acquistati entro certi giorni ….scoprite quanti.
    la federconsumatori parla sempre a sproposito ma si aspetta da chi continua a ricevere acconti per la consegna di cucine che poi rispetti i tempi di consegna concordati.
    la federconsumatori è un’associazione che non si “nasconde ” e i sui dirigenti firmano sempre con nome e cognome .sarebbe interessante che anche chi scrive per iuma srl. firmasse con nome e cognome…o è difficile?
    resto in attesa di conoscere se accettate un pubblico confronto come sopra proposto:
    N.B. la federconsumatori sta valutando un’azione collettiva per ottenere consegna cucine o risarcimento danni da chi ritiene di averne subiti.tutti coloro che sono interessati possono contattarci:

  37. iuma srl says:

    I “quiz” li fanno in televisione per gioco, siccome qui non stiamo giocando poiché sono a rischio i posti di lavoro dei nostri dipendenti La invitiamo, signor presidente…, ad informarsi meglio poiché tale direttiva NON ESISTE!!!
    IUMA SRL

  38. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    Buon giorno sig/ra Scopetti-IUMA srl ..non è un quiz l’esistenza di una normativa eurpoea e il suo rispetto o meno da PARTE DELLA VOSTRA SOCIETA’ speriamo venga accertato quanto prima da chi deve vigilare in merito.
    Mi dispiace che posti di lavoro sono a rischio,ma mi dispiace molto anche per le diverse giovani coppie, che pur avendo versato sostanziosi acconti,non ricevono le cucine ordinate nonostante tempo di consegna abbondantemente superato.
    Vogliamo attivare un’OPERAZIONE TRASPARENZA?
    L’AZIENDA SCRIVA GIORNALMENTE LE CUCINE CONSEGNATE e a CHI ? assumete questo impegno alla trasparenza ? non è un quiz è dimostrare serietà.

  39. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    Martedì 8 aprile 2014
    da Federconsumatori provinciale Perugia a sig/ra Scopetti-Maurizio Mauri -Iuma s.r.l. ci aspettavamo la comunicazione della avvenuta consegna di n …x.. cucine.
    Sarà per domani … grazie.

  40. iuma srl says:

    Signor presidente… i nostri clienti sanno bene quando vengono consegnate loro le cucine, a Lei non dobbiamo dire nulla, mentre Lei non è ancora in grado di indicarci la famosa direttiva europea sulle consegne, così come i “consulenti/esperti giuridici” della RAI che sembra non sappiano cosa rispondere.
    IUMA SRL (Federica Scopetti)

  41. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    alcuni vostri clienti ( come a voi noto) si sono rivolti alla nostra associazione proprio perchè non riescono a sapere la data di consegna della cucina per la quale hanno anticipato soldi:
    La federconsumatori non vi aveva chiesto di informare la nostra associazione delle date e luogo cucine,vi aveva invitato, diciamo , ad una ” operazione trasparenza” comunicando tramite questo sito- quante cucine consegnate giornalmente.
    Grazie .

  42. Iuma srl says:

    Ma la direttiva?????

  43. Alessandro Petruzzi presidente provinciale Federconsumatori Perugia says:

    la direttiva la troverà scritta nel documento che Federconsumatori ha predisposto e inviato per chiedere l’annullamento dei contratti perchè secondo nostro parere contengono norme vessatorie.
    E’ evidente che:
    non accettate un pubblico confronto da noi proposto (TV locali .giornli o altro);
    non spigate la ” nuova strategia di vendita ? ” presso altro locale;
    non accettate di rendere partecipi tutti di quante cucine giornalmente consegnate.
    Attendiamo fiduciosi.
    Buon lavoro

  44. iuma srl says:

    Si, ma la direttiva???

  45. IUMA srl says:

    Ci indichi la direttiva fantasma, signor presidente…

  46. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    apra il sito della commissione europea e cerchi.
    Aspetto risposte sul resto .Quante cucine consegna oggi?

  47. iuma srl says:

    Egregio Signor presidente… in data 10 aprile 2014 ho inviato un quesito alla direzione generale della Commissione europea riguardante la famosa direttiva del 2011, da Lei richiamata più volte, in data odierna è arrivata la risposta, nella quale si evidenzia che il quesito si riferisce alla direttiva sui diritti dei consumatori e che entrerà in vigore, in Italia, il 13 giugno 2014.

    Ecco in sintesi il contenuto:
    La Nuova Direttiva Europea 2011/83/Ue sui Diritti dei Consumatori approvata nell’ottobre 2011 propone una regolamentazione uniforme dei contratti negoziati fuori dai locali commerciali e quelli online che avvengono all’interno del territorio della Comunità Europea, ponendo l’accento in particolare sulle attività di commercio elettronico.

    Come si può notare trattasi di una direttiva che non riguarda la nostra attività, quindi anche il Signor Sergio Leszczynski, (consulente/esperto giuridico del programma “mi manda raitre”) ha evidentemente preso un abbaglio.

    Questo dimostra che “mi manda raitre” ha fornito informazioni sbagliate, disorientando di fatto il pubblico in ascolto.

    Buon lavoro.

    IUMA SRL (Federica Scopetti)

  48. Alessandro Petruzzi presidente federconsumatori perugia says:

    Buon giorno-le direttive eurpoee sono diverse e dipende lei che cosa ha chiesto.
    La serietà della trasmissione Mi Manda Rai Tre è testimoniata da anni di trasmissioni e da milioni di ascoltatori.
    la professionalità dei consulenti della trasmissione non è in discussione anche perchè si sottopongono giornalmente ad un pubblico giudizio.
    ” come è noto altri rifiutano”..resto in attesa di conoscere se i titolari Iuma accettano il pubblico confronto da noi proposto…
    Dimenticavo ,da sette giorni vi proponiamo di comunicare quante cucine giornalmente consegnate.
    Ad oggi nessuna risposta.

  49. Maurizio mauri IUMA srl says:

    Maurizio Mauri cucine di Deruta inaugura un mese dedicato alle sedie. Numerosi modelli personalizzati a prezzi promozionali.

  50. iuma srl says:

    MAURIZIO MAURI DERUTA comunica che entro breve sarà pronta la nuova sala espositiva con tantissimi nuovi modelli di cucine, vi aspettiamo.

  51. alessandro petruzzi presidente Federconsumatori Perugia says:

    Buon giorno sig .signora Scopetti, Maurizio Mauri ? Ci comunica quante cucine ha consegnato a chi ha versato anticipi? Perché cambiato esposizione ?

  52. Cara Federica Scopetti,
    noi siamo vostri clienti, abbiamo pagato la cucina circa 4000 euro e da voi abbiamo ricevuto solo minacce….neanche l’ombra della cucina, aspettiamo da più di 9 mesi..!!! Cara Federica Scopetti dove sono I nostril soldi?? Cara Federica Scopetti dov’è la nostra cucina?? vi dovreste VERGOGNARE E TACERE!

  53. Federica Scopetti Iuma srl says:

    La mia azienda con estrema difficoltà, anche con la diffamazione che sta subendo e alla crisi di settore, sta continuando a consegnare cucine e non ha mai minacciato nessuno.
    Io, Federica Scopetti, non ho niente di cui vergognarmi chi si dovrebbe vergognare è Lei “Marco” che non scrive neanche il suo vero nome….guarda caso!

  54. Federica Scopetti Iuma srl says:

    Caro signor “Marco”, come mai non scrive il suo vero nome?
    ho avuto il piacere di riscontrare che tra i nostri contratti non c’è un caso come il suo, ci spieghi chi è e per conto di chi interviene!

  55. Ciao a tutti,
    Al momento ho 10 kg disponibili in Francia.
    Alla ricerca di un potenziale acquirente.
    Per ulteriori contattarmi.
    ferdinandbaldesson@gmail.com

    Grazie.

Leave a Reply to Christian Cancel reply

*